Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Lo strano caso del Bahrain (28 bond in USD, varie scadenze)

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#1
Ultimamente il Bahrain come emittente sovrano ha rendimenti importanti

I rating sono ovviamente bassi: B1 per Moody's (luglio, ridotto); B+ per S&P (dicembre, ridotto); Bb+ per Fitch (dicembre, outlook portato a negativo).

Il Bahrain ha due problemi. Uno di natura geopolitica: unica monarchia del golfo sunnita con maggioranza della popolazione sciita, aveva represso una insurrezione all'epoca delle primavere arabe. L'altro di natura economica: le risorse petrolifere sono in ridimensionamento.

In risposta al secondo problema, il Bahrain ha differenziato la propria economia, oggi largamente non oil (all'80% non oil, stima Moody's), puntando sulla finanza offshore, sugli investimenti industriali e nei servizi effettuati dal Consiglio per la Cooperazione del Golfo (CCG) e sull'edilizia. Tuttavia l'oil concorre ancora a generare l'80% delle entrate nel bilancio del Bahrain, pur essendo componente minoritaria della sua economia.

In risposta al primo ed in parte al secondo problema, il Bahrain ha varato ambiziosi piani di spesa pubblica, che hanno portato a deficit di bilancio massicci (fra il 15% e il 18% circa deficit/PIL sia nel 2015 che nel 2016, stime Moody's e Fitch) con previsione di riduzione nel 2017 e nel 2018, comunque a doppia cifra %, e poi forse di un lieve calo. Ciò ha portato alla crescita del debito/PIL al 78% nel 2016 e la stima, a bocce ferme, è per un debito/PIL ancora in crescita verso il 100% nei prossimi anni.

Gli interessi sul debito avranno assorbito, a fine 2017, il 21% delle entrate fiscali bahranine (stima Moody's)

Se la traiettoria del debito appare insostenibile, in positivo vi sarebbe spazio per un consolidamento elevando pressione fiscale e costi tariffari, tagliando benefit e agevolazioni. Anche il reddito medio pro-capite (50.000 USD/anno, IMF) è molto elevato rispetto a quello standard dei paesi a rating B singola. Certo, si cerca di comprare consenso sociale per cui alzare tasse e tariffe non è facile, lasciano intendere le agenzie citando il rinvio dell'introduzione dell'IVA.

Altro elemento positivo è il sostegno espresso da CCG, dato il valore strategico del Bahrain, la storica vicinanza alla famiglia regnante saudita, le dimensioni tutto sommato piccole dell'economia nazionale. Manca però un impegno formale ad intervenire.

Il prezzo dell'oil è variabile che aiuterà in caso di salita, viceversa porrà problemi.

Importante notare come le banche, che forse avevano tratto lezione dalla crisi del Dubai, stavolta sono poco esposte: il debito del Bahrain è con il mercato obbligazionario.

La debolissima posizione di riserve internazionali detenuta presso la Banca Centrale a dicembre espone a una crisi quasi immediata se il Bahrain perdesse accesso ai mercati internazionali, per esempio per effetto di un default importante di un paese emergente A quel punto si vedrebbe se c'è eventuale sostegno degli altri paesi del Golfo e/o volontà di adottare nell'emergenza misure di risanamento del bilancio pubblico più incisive, ammesso che non si chieda dazio agli obbligazionisti

Per me, bond da tradare eventualmente dopo un episodio critico, su newsflow positivo. Per chi ha forte propensione al rischio, piccole quantità in portafoglio su scadenze non troppo lunghe.

Per approfondimento, il report di Moody's mi è parso il più completo (accesso dopo registrazione gratuita)

https://www.moodys.com/research/Moo...n-to-B1-maintains-negative-outlook--PR_370093

Fitch e S&P (il secondo visibile dopo registrazione gratuita)

https://www.fitchratings.com/site/pr/1032147

https://www.standardandpoors.com/en_US/web/guest/article/-/view/type/HTML/id/1960637
 
Ultima modifica:

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#2
Sono numerosi gli Eurobond bahranini. I rendimenti sono meno elevati di quelli impliciti nella classe di rating. Su scadenza quadriennale, ad esempio, siamo su un 4,6% lordo. Segno che un qualche supporto esterno in caso insorgessero problemi è oggi prezzato dal mercato. Da vedere se arriverà.

Tagli molto alti, fra i 100k ed i 200K. sono bond per portafogli capienti.
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#3
Negli ultimi giorni pesantucci i lunghi Bahrain, il 2044 ed il 2047, con rendimenti lordi al 7,185% per il primo e al 7,75% per il secondo. L'oil non ha neanche ancora realmente stornato, si limita a lateralizzare. Vicende da leggere in connessione. Diventa interessante al bottom di un eventuale movimento correttivo del petrolio, onde cercare di tradarli. Insomma, c'è tempo
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#4
Leggo su InvestireOggi che qualcuno si interroga sui motivi del calo marcato dei più lunghi fra i bond del Bahrain. Il quesito è in effetti interessante, ma la risposta,a mio avviso, è abbastanza scontata se solo ci si prende la briga di dare un'occhiata all'emittente.

Qui c'è un quadro di finanza pubblica in forte deterioramento, con un emittente già nella fascia bassa dell'HY, e bond a scadenza fra 25 -30 anni in un contesto di sofferenza, già da gennaio, dell'HY a rating più basso.

Sorprende semmai la tenuta dei titoli a più breve scadenza, ma che i lunghi abbiano rendimenti sopra l'8% lordo mi pare più che naturale. Poi, per me eventuali rimbalzi saranno possibili anche su questi titoli da aprile in avanti.

E semmai per chi fosse interessato ai bond del Bahrain sarà interessante studiare se il recupero interesserà piuttosto i bond corti o quelli molto lunghi
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#5
Il Bahrain torna alla ribalta per la sua situazione critica. Un recupero - peraltro modesto - dei corsi c'è stato subito dopo la caduta nel primo trimestre dell'anno. E' durata poco e la ripresa della discesa ha interessato stavolta anche i titoli più corti.

I problemi sono sempre la spesa pubblica gestita in deficit di bilancio e finanziata con l'emissione di debito sul mercato obbligazionario e la carenza di liquidità in valuta detenuta presso la banca centrale, sufficiente allo stato a coprire un mese scarso di fabbisogno.

I rendimenti attuali sui bond fanno ritenere prossimo il momento della verità, poiché la remunerazione del capitale prestato richiesta dal mercato finanziario al Bahrain comincia ad essere proibitiva quando il rendimento di un bond a scadenza 10/2020 si aggira sul 7% lordo in Usd...

S&P ha ad inizio mese confermato rating e outlook del Bahrain sull'assunto del sostegno finanziario diretto fornito dagli altri stati membri del GCC (Consiglio di Cooperazione del Golfo), sostegno che per ora non è stato ancora espressamente confermato

Sui bond più lunghi il rendimento è arrivato a sfiorare il 10% lordo

Allego l'ultima rating action di S&P
 

Allegati

Ultima modifica:
#7
Rating Action: Moody's downgrades Bahrain's ratings to B2, maintains negative outlook
03 Aug 2018
Singapore, August 03, 2018 -- Moody's Investors Service ("Moody's") has today downgraded the Government of Bahrain's long-term issuer ratings to B2 from B1 and maintained the negative outlook.
 
#8
posso aggiungere al tuo esauriente intervento,il patto di difesa tra l'arabia saudita e il Bahrain anche l'accordo finanziario tra i 2 paesi.
il fattore poco conosciuto,il ruolo di esportatore di prodotti europei al Iran e L'India.arrivano prodotti "elettrodomestici italiani & americani"
al porto,vengono scaricati in banchina e subito caricati su piccole imbarcazione in partenza per l'Iran e l'india.trattative e pagamento in banchina.
i prezzi variano tra consegna sicura e consegna a rischio. naturalmente i guarda coste iraniani & indiani chiudono occhio dietro il pagamento di
una bustarella.
i barche dei smugglers partono la sera e arrivano la sera.excellent business
 
#9
Buongiorno ho notato ora questo forum molto interessante. Sono proprietario di un lotto di bond baharain in $ al 2026 acquistato non per fare trade ma come investimento per la cedola con rimborso a scadenza. Non sono molto esperto e quindi vi chiedo: mi consigliate di tenerlo o è troppo rischioso? Ho letto informazioni importanti dal punto di vista geopolitico quali il patto con la sunnita Arabia che mi sembra essere un supporto molto confortante....
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#10
Buongiorno ho notato ora questo forum molto interessante. Sono proprietario di un lotto di bond baharain in $ al 2026 acquistato non per fare trade ma come investimento per la cedola con rimborso a scadenza. Non sono molto esperto e quindi vi chiedo: mi consigliate di tenerlo o è troppo rischioso? Ho letto informazioni importanti dal punto di vista geopolitico quali il patto con la sunnita Arabia che mi sembra essere un supporto molto confortante....
Salve, benvenuto. I fattori di sostegno sono il supporto dell'Arabia Saudita e dei paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo, esplicitato dopo la crisi estiva (i paesi tuttavia hanno chiesto in cambio misure di austerità le quali, se implementate, mettono il Bahrain a rischio recessione e se non implementate mettono a rischio il sostegno) e i prezzi del petrolio, che su questi livelli aiutano a stabilizzare il deficit/Pil.

Se si crede in un buon andamento dei prezzi dell'oil in futuro e in una continuazione del sostegno dei Paesi di cui sopra si può provare a tenere, consapevoli della debolezza intrinseca dei conti pubblici del Bahrain. In caso contrario si dovrebbe uscire.
 
#11
grazie per le delucidazioni, per tenere sotto controllo eventuali manovre economiche del Baharein a sostegno della stabilizzazione del deficit esistono siti da consultare? grazie ancora
 
#12
Posso riconfermare come postato in precedenza,il Bahrain è un super-protetto dell' Arabia Saudità sia militarmente e finanziarmente,in aggiunta
i paesi dell' golfo sono garanti nello stesso modo.l'aeroporto dell' Bahrain e una base della USAF
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#13
grazie per le delucidazioni, per tenere sotto controllo eventuali manovre economiche del Baharein a sostegno della stabilizzazione del deficit esistono siti da consultare? grazie ancora
Purtroppo non so darti indicazioni, anche sul sito della banca centrale non vedo dati macroeconomici aggiornati. Se qualcuno è più addentro di me e dispone di qualche link, voglia renderlo disponibile.

Suggerisco di tenere d'occhio i siti delle agenzie di rating, di solito nei comunicati stampa danno indicazioni sommarie anche sulla possibile efficacia di queste manovre.
 
Alto