Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Venezuela e PDVSA

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#1
Vicenda che sarà indispensabile seguire, cercando di ridurre al minimo il rumore di fondo, sia lo spam dei tanti che dovevano vivere di rendita grazie alle cedole venezuelane ed oggi commentano a titolo personale sulla situazione, sia le 1000 notizie della politica e della vita quotidiana venezuelana che - pure interessanti per la formazione culturale di un forumista - non sempre hanno una valenza rispetto alla definizione della storia.

Il punto ad oggi.

Il Venezuela e le sue GRE (corporation/enti controllati dallo Stato direttamente o indirettamente, il più importante dei quali è PDVSA) hanno un indebitamento complessivo molto pesante, stimato fra il 150% ed il 200% del PIL e non dispongono della risorse finanziarie e di flussi di cassa che gli consentano di onorare il debito.

Sanzioni finanziarie varate dagli USA a fine agosto 2017 vietavano fra l'altro a soggetti finanziari USA di compravendere nuovi bond del Venezuela e di PDVSA, dando così il colpo di grazia alla posizione venezuelana sul mercato dei capitali.

Già ad inizio settembre il Venezuela annunciava l'intenzione, in autunno, di convocare gli obbligazionisti per negoziare una rimodulazione del debito. Negli ultimi due mesi del 2017, il Venezuela ha mancato il pagamento delle cedole sui sovereign e sui bond delle GRE, pur senza dichiarare formalmente default. Anzi, sostenendo di voler pagare e di aver pagato, ma con modalità che sarebbero state impattate dalle sanzioni USA. Al divieto fatto a certi intermediari finanziari USA di gestirsi con il Venezuela si imputava il mancato buon esito dei pagamenti. Nel mentre, in Novembre, un primo contatto formale con gli obbligazionisti si esauriva in un nulla di fatto.

Dal canto proprio, i fondi di investimento ed hedge detentori di questi titoli non hanno fatto nulla perche il Venezuela manifestasse esplicitamente i propri propositi o per stringere sui tempi dell'incasso dellecoperture assicurative. In un periodo quale la chiusura dell'anno, non conveniva loro rischiare di innescare un flight to quality sui mercati speculativi che ne avrebbe danneggiato le performance annuali. E peraltro, le sanzioni USA gli impedirebbero di aderire ad ipotesi di ristrutturazione del debito, a meno che esse non trovino l'assenso delle opposizioni al governo Venezuelano e dell'Assemblea Nazionale da queste controllata. In mancanza di intese nel campo venezuelano, nulla sarebbe negoziabile.

E' sensato ipotizzare che la posizione dei bondholders muti presto, anche se non prestissimo. Se qualcosa deve accadere, ed avere ripercussioni sui mercati, meglio che sia nei primi mesi dell'anno, quando c'è tutto il tempo per recuperare...

Le agenzie di rating hanno preso atto di una situazione di default conclamato dinanzi a fatti quali i mancati pagamenti sul servizio al debito obbligazionario. Per Moody's default imminente. Così per i bond in valuta estera, Moody's ratea il Venezuela a Caa3/negativo, S&P a D/SD (short term e long term), Fitch a RD.

Da notare come sugli schermi delle tv internazionali finanziarie il caso Venezuela non sia esistito nei mesi di Novembre e Dicembre 2017. Menzioni quasi zero. Non è buon segno.

Scavallata la scadenza annuale, pare che l'andazzo del Venezuela che non dichiara e non paga e dei bondholders inattivi possa durare ancora qualche giorno/settimana.

Il calendario vede in cartello un incontro fra gli emissari del governo e dell'opposizione per intese circa ipotesi di ristrutturazione del debito il prossimo 12 gennaio.
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#2
I bond venezuelani negoziabili in USD sono circa 50, ai quali si aggiungono una quindicina di bond PDVSA e pochi altri bond sparsi di entità governative o comunque pubbliche.

Oggi prezzi in deciso calo, specie per i bond Venezuela (con prezzi per molti titoli compresi in un range 16-20/100)

Bond senz'altro da acquistare al momento giusto, all'approssimarsi del default :giggle:
 
Ultima modifica:

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#4
Ringrazio molto Tommy21, Ventodivino e gli altri forumisti di IO che mi hanno rivolto un benvenuto e qualche apprezzamento linkando anche il forum. (y):) Qui si è "aperto" al pubblico ieri, non è molto differente da come era IO quando si aprì la sezione Obbligazioni ed ebbi l'onore (e l'onere) di postare il primo messaggio.

Passerò volentieri a salutare in questi giorni, appena la baracca sarà in ordine :giggle:
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#5
Ieri bond sovereign Venezuela in deciso rimbalzo sui mercati USA e stamane in apertura, di rimando, anche sui mercati retail UE. In realtà, il movimento di caduta del giorno precedente, al termine di alcune sedute di declino, aveva tutta l'aria di un exhaustion bar, ossia aveva segnato su questi titoli un bottom temporaneo di prezzo dal quale è scattato il rimbalzo.

Sulla durata del rimbalzo, va da sé, nessuno è in grado di dire. Dipenderà dal newsflow. Notizie provenienti dagli incontri della politica venezuelana dei prossimi giorni potrebbero apparentemente motivare una sua estensione per alcune altre sedute.

Improbabile tuttavia che il bottom sui prezzi appena visto sia quello definitivo, le cattive notizie sono ancora in agguato, a partire dal rischio che il debito sia formalmente ripudiato, in caso di mancata intesa fra forze politiche venezuelane su come ristrutturarlo.

Il Venezuela è un paese ricco che necessita di un governo più efficiente per sfruttarne le risorse ed una incisiva ristrutturazione del debito sarà necessaria per una ripartenza. A questo si arriverà, ma non è detto che le modalità siano incruente, né che i tempi siano brevi.

Bond Venezuela in rimbalzo in area 22-25/100, il 11,95% Venezuela 2031 scambia su Stoccarda a 24-24,25 bid-ask, in risalita del 46% sul close di ieri
 
Ultima modifica:

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#6
Prezzi in assestamento ieri sera, con chiusura ridimensionata rispetto all'apertura. Qualche presa di beneficio era da attendersi da parte di chi aveva colto il rimbalzo, specie su quei titoli per i quali era stato più forte. Oggi situazione analoga, si galleggia sui prezzi di chiusura di ieri in attesa di direzione. Per molti titoli (non li seguo tutti singolarmente) la discesa precedente al rimbalzo pare aver disegnato una sorta di box dei prezzi compreso fra 20 e 40/100.

Allunghi del rimbalzo in verso area 30 sarebbero occasioni per vendere (a meno che non siano determinati da fattori in grado di generare una soluzione stabile e positiva alla vicenda venezuelana), ritorni sotto quota 20 andrebbero valutati dal punto di vista dell'acquisto, dipendendo tuttavia dalle ragioni che li determinano.

Un disconoscimento del debito senza soluzioni di breve per una ristrutturazione - per dire - porterebbe ad un'altra fascia di prezzi, in cui 20 sarebbe il limite alto, e su capitolazioni al ribasso degli stessi andrebbero valutati i nuovi acquisti, presumibilmente attorno a quota 10 o poco sopra.

Continuo a seguire il 11,95% Venezuela 2031 come esemplificativo dell'andamento dei corsi dei sovereign. Ieri chiusura a 23,05, una figura sotto i prezzi di apertura, mentre scrivo attorno a 23,35 su Stoccarda con bid - ask 23,35- 23,50
 
Ultima modifica:
#9
una domanda secondo te ora che i titoli quotano tel quel..la cedola se la pagheranno andra' a chi ha il titolo in quel momento oppure a chi ha maturato il diritto alla scadenza data di stacco come da prospetto?oppure tengono buona la comunicazione..prima della comunicazione si operava in un modo ora in un altro?
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#10
:)
una domanda secondo te ora che i titoli quotano tel quel..la cedola se la pagheranno andra' a chi ha il titolo in quel momento oppure a chi ha maturato il diritto alla scadenza data di stacco come da prospetto?oppure tengono buona la comunicazione..prima della comunicazione si operava in un modo ora in un altro?
Secondo me a chi aveva il diritto alla cedola alla data di maturazione. Se il trasferimento del titolo è avvenuto dopo tale data, non andrà ad incidere su quanto già maturato. Se invece si è acquisito quando un titolo scambia a corso secco e poi la cedola viene pagata, andrà ripartita prorata secondo i giorni di possesso fra chi ha venduto mentre quotava a corso secco e chi ha acquistato. Questi i criteri generali.
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#15
Ieri ancora assestamento sui prezzi, con note prevalentemente positive. Ai realizzi in mattinata di chi aveva centrato l'ingresso nel rimbalzo ed ha preferito portare a casa, hanno fatto seguito gli acquisti di chi valuta un allungo del rimbalzo in area 25-27 ed ha visto nella flessione dei prezzi una occasione di entrata.

Per cautela, come avevo notificato una possibilità di ingresso in area 17-20, così direi che un allungo in area 25-27 per me sarebbe da monitorare per l'alleggerimento, se non per l'uscita.

Tenendo d'occhio anche gli altri temi speculativi: uno storno nell'equity, per il quale vi sarebbero le condizioni ma non si può indovinare il timing esatto, non sarebbe indolore per i bond HY ed anche per il Venezuela.

Il 11,95% Venezuela 2031 ieri in chiusura a 23,90, mentre scrivo tratta più o meno su quei prezzi, dipendendo anche dal mercato retail osservato. Stesso tono moderatamente positivo sulla maggior parte degli altri Venezuela.

Linko anche qui l'account twitter della venezuelana Rendivalores con i prezzi sui mercati US https://twitter.com/Rendivalores

Tali mercati fanno il prezzo per questi bond, nel senso che i mercati europei replicano l'andamento di quelli US (a prescindere da ogni considerazione sulle sorti del rateo); partono prendendo spunto dalle chiusure US del giorno precedente e chiudono avendo d'occhio le prime ore di negoziazione di questi bond negli US
 
Ultima modifica:
#18
Dopo essere uscito in leggero loss, secondo voi si può attendere per una leggera entrata sulla 27 senza Cac tipo 1,5% Ptf o entrare?
Lo scopo sarebbe di portarle sino a vedere le carte scoperte!
 
Ultima modifica:

Imark

Administrator
Membro dello Staff
#19
Dopo essere uscito in leggero loss, secondo voi si può attendere per una leggera entrata sulla 27 senza Cac tipo 1,5% Ptf o attendere?
Lo scopo sarebbe di portarle sino a vedere le carte scoperte!
Per me attenderei per l'entrata, ci sono probabilità buone di rivedere i minimi recenti ed anche inferiori, specie se l'intento non è tradarle ma portarle in fondo.
 
Alto