• Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Venezuela e PDVSA

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Cioè non sei convinto (come me del resto) sul giallo dei fondi versati alle depositarie e sulla storia di GS?
Non c'è nessun giallo, solo disorganizzazione per il caso Elecar, pagamenti fatti sul bond Goldman e non fatti su tutto il resto. Bastava leggere un press release di Moody's vecchio ormai un paio di mesi....

Considera che il Fatto - per molti versi non un cattivo giornale - è fra quelli che paga meno i propri collaboratori e che li fa aspettare di più. Uno che prende magari 30 euro per un pezzo, e magari deve aspettare 6 mesi per essere pagato, è già tanto se trova la voglia di documentarsi
 
Ultima modifica:
Cioè non sei convinto (come me del resto) sul giallo dei fondi versati alle depositarie e sulla storia di GS?
Al di la del "mistero" delle depositarie..ciò che appare evidente è che quando vogliono pagare.. il denaro arriva dove deve. Dagli ultimi eventi sembra emergere che la loro attenzione sia rivolta solo verso i creditori più "temibili"..o che comunque potrebbero generare maggiori problematiche. Tutti gli altri.. bondholders in primo luogo.. son passati da tempo in cavalleria..
 
Ultima modifica:

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Una buona giornata peri Venezuela bond che proseguono nella risalita dopo aver toccato quota 25-26/100, ossia l'area che aveva contenuto i precedenti rintracciamenti del rimbalzo dai minimi.

Le prossime sedute saranno cruciali per le settimane successive: un recupero che portasse ad un superamento dei massimi sarebbe presupposto per ulteriori salite. Viceversa, una perdita della spinta rialzista sotto i massimi segnati dal rimbalzo ed ancor più un ritest dei 25-26/100 darebbe un segnale di debolezza.

In tale caso è da ritenersi molto probabile un nuovo interessamento della seconda area di supporto, quella situata attorno a quota 20-21/100.

Oggi il 2034 si è riproiettato a quota 32/100 e costituisce il titolo, fra quelli monitorati, più vicino a riaffacciarsi a quota 35. A quota 31/100 gli altri titoli che avevamo definito "veloci" sono ancora distanti oltre un 10% dal target indicato, ammesso la salita non si interrompa.

Ancora più distante il resto della squadra, per la quale si fa più presto a misurare sul bid la distanza dall'area minima raggiunta dal calo ultimo: eravamo sui 25-26/100, siamo confortevolmente, per tutti i titoli nei 28/100
 
Le prossime elezioni...ormai vicine...dovrebbero costituire un pò lo spartiacque tra questo lungo periodo di stallo...e quello che seguirà e che davvero non possiamo prevedere. Credo che questa settimana potrebbero esserci forti oscillazioni a seconda degli umori del mercato che potrebbe riporre fiducia ...alternativamente...nell'affermazione di uno o dell 'altro dei principali contendenti. In ogni caso la situazione dovrebbe cominciare finalmente a schiarirsi...
 
Spero di sbagliarmi ma, credo che con le elezioni non cambierà nulla, il paese sudamericano resta saldamente nell'orbita "socialista" e difficilmente assisteremo ad un cambio di governo o se preferite di regime, se non tolgono, le sanzioni finanziarie imposte da "The short fingered vulgarian" nei confronti del governo venezuelano, Maduro o chi per lui, non scucirà un Bolivar.
 
Che non cambi nulla o poco piú per il paese mi vede d 'accordo. Diversa invece potrebbe essere la reazione degli investitori alla vincita dell 'uno o dell 'altro candidato.
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Ho un po' trascurato il Venezuela in questi giorni. L'impressione è che ci siano difficoltà dei titoli venezuelani a salire ulteriormente, le ultime due sedute sono state di stallo se non di moderato declino dei corsi per la gran parte dei titoli monitorati.

Circa le elezioni, mi viene da dire che qualunque scenario che confermasse Maduro al potere aggraverebbe la crisi con gli Usa e anche ove non sfociasse in nuove sanzioni, allungherebbe i tempi di definizione della vicenda.

Circa i prezzi, siamo a quota 31/100 per il 2034, un punto sotto per gli altri bond cd "veloci" e, per il resto del gruppo, in bid nei 28 bassi.
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Ieri ancora una giornata all'insegna dello storno, con cali medi nell'ordine del punto e mezzo pct e spread bid ask in ampiamento in chiusura di giornata, spesso in misura pari o superiore ad una figura.

Circa i corsi, i titoli veloci sono tutti in midprice nei 30/100, con il 2034 che è indietreggiato più degli altri, gli altri titoli monitorati sono tornati in bid in area 27/100
 
Nel week end si terranno le elezioni.. il cui esito non può darsi ancora per scontato.. sebbene da piú parti Maduro sembrerebbe quello con maggiori posibilità. Vedremo come reagirà il mercato lunedì prossimo.
 
Si può seriamente pensare che in uno scenario come quello venezuelano Maduro possa vincere? Vista la situazione in cui versa la stragrande maggioranza della popolazione perchè mai confermarlo? E' ovvio che - come io apprendo da fonti attendibili - le elezioni sono truccate, così come lo sono sempre state dai tempi di Chavez e delle sue ben note liste di coscrizione.
 
Corretto...difatti tutti i pronostici che lo danno per vincente tengono ampiamente conto di quest 'elemento non certo secondario. Se si riconfermasse Maduro.. già mi immagino gli americani come potrebbero reagire. Qualora fosse istituito un embargo anche sull 'oil.. o comunque forti limitazioni alle importazioni..quantunque questo non giovi neanche all 'America stessa.. . la situazione precipiterebbe ulteriormente.. e già non son certo ben messi.
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Nel week end si terranno le elezioni.. il cui esito non può darsi ancora per scontato.. sebbene da piú parti Maduro sembrerebbe quello con maggiori posibilità. Vedremo come reagirà il mercato lunedì prossimo.
Si può seriamente pensare che in uno scenario come quello venezuelano Maduro possa vincere? Vista la situazione in cui versa la stragrande maggioranza della popolazione perchè mai confermarlo? E' ovvio che - come io apprendo da fonti attendibili - le elezioni sono truccate, così come lo sono sempre state dai tempi di Chavez e delle sue ben note liste di coscrizione.
Ho visto sondaggi che non lo danno avvantaggiato. Certo, al netto di eventuali brogli che non escluderei affatto.
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Mi era sfuggita questa interessante news "buy" di Bloomberg che intervista un fondo investito in questi titoli sulle potenzialità di risalita del debito venezuelano. Grazie a Tommy271 che la ha postata su InvestireOggi.it

Bloomberg fa intendere che sono da acquistare (a mezzo intervista ecc.): temo non siano buone nuove per gli obbligazionisti


Venezuela.jpg
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Esatta osservazione. Probabilmente quel fondo molto prodigo in consigli vincenti.. ha un pò di bond da vendere :)'
Può anche darsi che il fondo, di qui a 6 mesi, avrà avuto ragione. A Bloomberg interessava utilizzare quella opinione per influenzare i propri lettori ad un comportamento "buy". Il che mi induce a ritenere - e potrei sbagliare - che i prossimi giorni potrebbero essere problematici per questi titoli
 

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Dai primi prezzi, per ora pare si torni a testare i supporti attorno a quota 25/100, almeno per i titoli più deboli

Spread bid ask molto ampi, oltre il 10% per alcuni titoli "veloci", specie per il 2034
 
Ultima modifica:

Imark

Administrator
Membro dello Staff
Dai primi prezzi, per ora pare si torni a testare i supporti attorno a quota 25/100, almeno per i titoli più deboli

Spread bid ask molto ampi, oltre il 10% per alcuni titoli "veloci", specie per il 2034
Situazione migliorata decisamente dopo le prime battute. Siamo grosso modo sulle chiusure di venerdì. Vediamo con l'apertura dei mercati USA