Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Cryptovalute

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
distrutta la "stablecoin" di Velas, partner di Ferrari.


1668640303340.png

(nell'immagine le quotazioni vs BUSD, stablecoin binance peggata a USD e 100% backed)

francamente non capisco cosa spinga un marchio di prestigio ad accostarsi a schifezze del genere. Ah già, sono "carbon neutral blockchain", colpa mia.
 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
Ultima modifica:

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
Fun fact: dal ch11 filing emerge che FTX non aveva un bitcoin. Neanche uno. Zero, nada. Quelli dei clienti se li era venduti e evidentemente quando qualcuno ritirava btc andava a mercato. Ciò spiega lateralmente i volumi altissimi che avevano portato FTX ad essere il terzo player del mercato.
 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
agghiacciante. Ma i VC che gli davano soldi in base a cosa glieli davano? Complottismi a parte, sembra davvero fatto apposta per fare un buco


In generale a vedere l'aria che tira, qui finisce che tutti i bitcoin che giravano in realtà giravano solo sulla carta, venduti contro $ appena depositati per andare a coprire parzialmente lo schifo di token emessi. E non solo su FTX.
 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
In generale a vedere l'aria che tira, qui finisce che tutti i bitcoin che giravano in realtà giravano solo sulla carta, venduti contro $ appena depositati per andare a coprire parzialmente lo schifo di token emessi. E non solo su FTX.

comincia a girare non solo nella mia testa questa teoria...


ora: da una parte BTC potrebbe anche dimostrare di non essere condizionato da fattori esterni e ripartire ma 1 non ci credo in generale 2 non credo alle coincidenze. Quindi, come farà BTC a ripartire se il resto del mercato non riparte? Chiaro, non riparte e si risolve la questione. Ma non mi torna.
 

Tony

Well-known member
c'è da riconoscergli di avere palle cubiche a dire una cosa del genere. Tanto che finirò quasi per crederci se non sparisce nei prossimi giorni

Questa mattina sentivo dalla Cnbc che diceva che occorre un rescue plan for the crypto industry, una cosa un po' diversa dal salvare Ftx. Su twitter non ho trovato nulla in merito, non saprei dire se si tratti di qualcosa di nuovo o piuttosto di un riassemblaggio di cose già dette nei giorni scorsi ed oggi è Thanksgiving quindi è tutto fermo per il newsflow.

Ecco, questo tratto, se fosse vero, potrebbe essere proccupante, quello della crisi di fiducia.
 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
La crisi di fiducia che esiste al momento secondo me è una cosa buona, chi usa gli exchange come cold wallet non sa cosa sta facendo. Gli exchange si chiamano così per un motivo, per "scambiare", non per depositare e lasciare lì.

Cmq lo dicono stamattina sulla cnbc quando CZ lo dice da anni e lo ripete da giorni, e ha già messo i soldi sul piatto (cioè sulla blockchain).


Una sorta di fondo di salvaguardia per chi rischia di andare a gambe all'aria e salvaguardare gli utenti. Lo scopo è arrivare un po' ai 100k garantiti dal fondo interbancario se la banca va gambe all'aria.
 

Tony

Well-known member
problemi per wBTC, ossia "la versione di bitcoin" su rete ethereum. Ogni token generato dovrebbe infatti valere un bitcoin, conservato da qualche parte... Anche in questo caso vien fuori che non è così.


continuano le pulizie di primavera. Continuano a venire fuori un sacco di BTC "finti".
Qualcuno comincia ad osservare anche i bond di Coinbase 2031, magari è solo effetto contagio, ma 53/100 è in effetti molto distressed

 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
non me ne stupisco molto. Non tanto per un default oggi o domani ma perchè la blockchain di oggi è internet 25 anni fa. Coinbase potrebbe essere Tiscali o potrebbe essere nVidia
 
Alto