Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Energy, Oil & Gas: seguire l'andamento del petrolio, del gas e delle energy companies

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
A chi bisogna credere?...............Comunque, in ogni caso, bisogna ringraziare la Merkel che è, e rimane, l'unica persona lungimirante in EUROPA!!!

Pubblicato il 06/09/2021
Ultima modifica il 06/09/2021 alle ore 16:33TELEBORSA




103091.t.W300.H188.M4.jpg

La nave posatubi russa Fortuna ha saldato l'ultimo tubo delle due linee del gasdotto Nord Stream 2, completando quindi lo strategico gasdotto che porterà il metano russo in Germania. Lo ha affermato l'omonima società che si sta occupando della sua costruzione, aggiungendo che prevede di iniziare a usare l'opera entro la fine dell'anno.

Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha invece affermato che il gasdotto entrerà in funzione nei prossimi giorni, in base a quanto riportato dall'agenzia di stampa Interfax.
 

condor74

Moderatore
Membro dello Staff
Vallourec, un titolo al quale si è fatto riferimento più volte come ad un potenziale turnaround di successo, riprova ad attaccare la trendline discendente da marzo 2021. Siamo anche al test della resistenza di sma13 weekly (7.5 mentre scrivo), per ora passata.

1633091580772.png
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

U.S. Drillers Add More Rigs Amid Rising Oil Prices​

By Julianne Geiger - Oct 01, 2021, 12:14 PM CDT
  • The total rig count is now 528, up 262 from this time last year
  • The number of oil and gas rigs in the United States rose by 7 this week
  • Canada’s overall rig count increased by 3
The number of oil and gas rigs in the United States rose by 7 this week, according to Baker Hughes, bringing the total additions over the last four weeks to 31.

The total rig count is now 528, up 262 from this time last year, but lagging behind the 790 active rigs in March 2020.

The U.S. oil rig count rose this week to 428—a 7-rig increase. The number of gas and miscellaneous rigs stayed the same.

The EIA’s estimate for oil production in the United States for the week ending September 24 rose 500,000 bpd for the second week in a row, to an average of 11.1 million barrels per day—just 300,000 bpd under pre-Hurricane Ida levels as producers slowly restore production that had been taken offline.

Canada’s overall rig count increased by 3. Active oil and gas rigs in Canada are now at 165, up 90 on the year.

The rig count in the Permian Basin rose by 3 this week, while the number of rigs in the Eagle Ford stayed the same. The Permian’s total rig count is now 134 rigs above what it was this time last year.

Primary Vision’s Frac Spread Count, which tracks the number of completion crews finishing off previously drilled wells, shows that completion crews rose by 7 to 257 for week ending September 24. The frac count is up by more than 120 for the year.
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

  • OPEC’s 13 members combined have been pumping on average 27.31 million bpd this month.
  • The most significant rise among OPEC members in September came from Nigeria, which boosted its production by 170,000 bpd.
..................................
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
Visto che:

Based on the 12z run of the GFS ENS computer model, for the 4 natural gas storage weeks from September 25 to October 22, Natural Gas-Weighted Degree Days (GWDDs)--a composite of heating & cooling degree days and population distribution patterns that estimates the contribution of temperature to natural gas demand--will total 180 GWDDs, -32% below the historical average of 264 GWDDs suggesting that temperature-driven natural gas demand will be suppressed relative to seasonal averages. Compared to the computer model run from 6 hours ago, forecast GWDDs have fallen -24 GWDDs or -11.6%.

Il prezzo del gas Americano (Nymex gas) dovrebbe scendere sotto i 4$/bcf!!!

BUON WEEKEND a tutti!!!!!!
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
E....sempre a proposito di gas:

As of September 28, the open interest on natural gas contracts traded on the NYMEX decreased by -14,887 contracts to 1,363,463 compared to last week which is above the 1-year average of 1,261,968. Natural gas investors remain optimistic about the commodity's prospects as the total number of long contracts outnumber short contracts by 31,042 with 53% of total contracs being long. However, compared to last week, the percentage of long contracts has decreased suggesting that investors are reducing long exposure in anticipation of a pullback.

Mentre per l'oil:

As of September 28, the open interest on crude oil contracts traded on the NYMEX increased by 73,641 contracts to 2,175,199 compared to last week which is below the 1-year average of 2,233,603. Oil investors remain optimistic about the commodity's prospects as the total number of long contracts outnumber short contracts by 257,917 with 81% of total contracs being long. Moreover, compared to last week, the percentage of long contracts has increased suggesting that invesotrs are increasingly confident in continued strength in the sector.
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
da Commodities Trading: 01/10/2021 18:00

Petrolio: qualcuno sta facendo una scommessa folle!​

La crisi energetica potrebbe diventare così grave da indurre un prezzo del petrolio di 200 dollari per barile? Qualcuno, pratico del mercato delle opzioni, pensa di si…

Le opzioni call sul Brent con scadenza dicembre 2022 e target a 200 dollari hanno visto salire il volume a mercato sino a quota 1300 e, nonostante la scadenza sia lontana (ottobre 2022) sicuramente le opzioni in oggetto saliranno di prezzo nel caso in cui le quotazioni dell’oro nero dovessero registrare delle brusche impennate nel corso dell’inverno o della prossima estate.

In un mercato in cui un singolo carico di greggio raggiunge attualmente circa 160 milioni di dollari, la scommessa di 130000 dollari sul petrolio a 200 dollari per barile è poca cosa, tuttavia, riflette il fatto che un numero crescente di trader in opzioni sta scommettendo che una crisi energetica nel prossimo inverno potrebbe indurre un forte aumento di prezzo.

1633291444772.png

Il Brent ha toccato gli 80 dollari per la prima volta in tre anni, questa settimana, e gli esperti di settore indicano una domanda superiore all’offerta per un milione di barili giornalieri e prevedono che il passaggio dal gas al greggio a causa dei prezzi elevati del primo indurrà un deficit di offerta di oro nero.

Fonte Bloomberg
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

The OPEC+ meeting has ended with rather disappointing news for those that were hoping for a surprise increase in oil production. The group has agreed to keep the production plans unchanged—adding back 400,000 bpd in November.
...................
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

Investing.com - I prezzi del gas naturale hanno risentito dell'intervento del presidente russo Putin, arretrando di molto rispetto ai massimi osservati in giornata che avevano mandato in tilt i...

La Russia, per il momento, è l'unico Paese in grado di aumentare l'offerta di gas verso i mercati europei, dove la carenza di gas è maggiore, ma il gasdotto Nord Stream 2, completato lo scorso 13 settembre, è ancora in attesa di certificazione da parte delle autorità di regolamentazione tedesche.

Peccato..........Oggi ho venduto l'ultimo blocco comprato di SNGA guadagnandoci qualche centinaio.....ma ne ho ancora parecchi da vendere!!!
 
Ultima modifica:

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
E, a proposito di WTI:

Il petrolio greggio è rimasto invariato oggi dopo che l'Energy Information Administration ha riportato un aumento delle scorte di 2,3 milioni di barili per la settimana fino al 1° ottobre.

A 420,9 milioni di barili, le scorte di greggio degli Stati Uniti sono entro i limiti della media quinquennale per questo periodo dell'anno, ha affermato l'EIA.

Per la benzina, l'EIA ha stimato un aumento delle scorte di 3,3 milioni di barili per la settimana fino al 1 ottobre, con una produzione media di 9,4 milioni di barili.

Questo a fronte di un modesto accumulo di scorte di 200.000 barili della settimana precedente, con una produzione media di 9,9 milioni di barili al giorno.

Nei distillati medi, l'EIA ha riportato un prelievo di scorte stimato di 400.000 barili per la scorsa settimana, con una produzione media di 4,8 milioni di barili al giorno.

Questo a fronte di un aumento delle scorte di 400.000 barili della settimana precedente, con una produzione media di 4,6 milioni di barili al giorno.
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

  • Asia’s spot LNG prices have exceeded a key psychological threshold.
  • Rallying LNG prices have seen a massive 870% surge since their lowest levels this year.
  • As tight markets push prices higher, some customers are looking to alternative fossil fuels to keep up with energy demand
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
Da Commodities Trading:

Se il mercato dell’energia è nel caos la scelta è solo una: la Russia!​

L'aumento dei prezzi dell'energia sta alimentando scommesse rialziste sugli esportatori dei paesi in via di sviluppo, con la Russia che emerge come destinazione di investimento preferita dai trader.

Il rublo russo ha guadagnato più di qualsiasi altra valuta dei mercati emergenti questo mese, sostenuto dalla prospettiva di maggiori entrate derivanti dal settore petrolifero in un contesto che vede gli investitori focalizzarsi sempre più sull’operato della OPEC+, di cui la Russia fa parte, in termini di gestione del mercato dell’oro nero.
"I prezzi dell'energia rimarranno elevati e le aziende dei paesi esportatori di materie prime beneficeranno della stretta globale nell'offerta di materie prime legate all’energia - spiega Ali Akay, chief investment officer presso Carrhae Capital - e la situazione dovrebbe continuare a rivalutare gli esportatori di energia e materiali”.



Russia

Le turbolenze nel mercato dell'energia hanno messo in luce lo status della Russia come superpotenza petrolifera e del gas e, inoltre, non dobbiamo dimenticare che Mosca dispone di oltre 600 miliardi di dollari di riserve, un onere del debito invidiabilmente basso e sta spingendo con rialzi dei tassi per domare l’inflazione.
.................
JPMorgan Chase & Co.
ha rafforzato la sua posizione sul Russian Depositary Index in quanto rimane rialzista sulle materie prime e sulle scommesse legate al petrolio fino a fine anno: "I prezzi del petrolio più alti porteranno a guadagni e dividendi più alti nei titoli energetici, che rappresentano il 59% dell’indice - spiega JPMorgan Chase & Co. - e guideranno un rublo più forte che a sua volta spingerà i titoli nazionali, un altro 25% dell’indice”.


Fonte Bloomberg

 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
e anche per l'oil come per XLE siamo arrivati ai livelli pre pandemia, è evidente sia sui grafici di XOI (a proposito, anche voi usate XOI? oppure?) sia sul mio etf SXEPEX. Però con la sete di energia che c'è non escludo a priori ulteriori escursioni verso l'alto, a prescindere da barrons & co
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

  • In this month’s report, OPEC revised downward its 2021 estimate due to lower-than-expected actual data for the first three quarters of the year
  • In its closely watched Monthly Oil Market Report (MOMR) on Wednesday, the cartel kept its 2022 oil demand growth forecast unchanged at 4.2 million bpd
OPEC expects this year’s global oil demand to grow by 5.8 million barrels per day (bpd) from the low 2020 levels, down from last month’s estimate of 5.96-million-bpd annual growth.

In its closely watched Monthly Oil Market Report (MOMR) on Wednesday, the cartel kept its 2022 oil demand growth forecast unchanged at 4.2 million bpd to average total global demand of 100.8 million bpd next year.

Last month, OPEC had raised its 2022 oil demand forecast by 900,000 bpd, expecting the surge of the Delta variant to partially delay the oil demand recovery into the next year with robust economic growth and stronger recovery in fuel consumption.

In this month’s report, OPEC revised downward its 2021 estimate due to lower-than-expected actual data for the first three quarters of the year and “despite healthy oil demand assumptions going into the final quarter of the year.”

Global oil demand in the fourth quarter will be driven by a seasonal increase in petrochemical and heating fuel demand, as well as the potential switch from natural gas to petroleum products due to the high gas prices, the cartel noted.
.......................

Buonanotte!!!
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

Usa, Eia taglia previsioni domanda globale greggio 2022, alza stime 2021​


Reuters.png
Materie prime5 ore fa (13.10.2021 18:36)

WASHINGTON (Reuters) - La statunitense Energy information administration (Eia) ha tagliato oggi le sue previsioni per la domanda globale di greggio nel 2022 di 150.000 barili al giorno a 3,48 milioni di barili al giorno.

Nelle sue previsioni mensili, l'agenzia ha aumentato le sue stime di crescita della domanda di greggio per il 2021 di 90.000 barili al giorno, a 5,05 milioni di barili al giorno.
 
Alto