Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Energy, Oil & Gas: seguire l'andamento del petrolio, del gas e delle energy companies

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
Da COMMODITIES TRADING: 29/12/2021 09:00

Crisi energetica, Europa: prezzi del Gas in caduta libera​

Il prezzo del gas europeo ha messo a segno il maggior calo in un anno grazie alle spedizioni di GNL in arrivo dagli USA che, con tutte le probabilità, allevieranno la crisi energetica in cui è sprofondata l’intera regione.

Dopo aver ceduto oltre il 23% nella sessione del 23 dicembre 2021 il prezzo del gas europeo (TTF) ha lasciato sul parterre un ulteriore 19% nella giornata di lunedì 27 dicembre registrando un minimo a 100 euro al megawattora per poi recuperare lievemente terreno nella sessione di ieri terminando gli scambi a 106,9 euro al megawattora.

1640783261784.png

Nuovi vascelli partiti dagli Stati Uniti con il loro carico di GNL hanno designato l’Europa come meta del viaggio e questo aumenta le attese per un riequilibrio del mercato.

I prezzi sono diminuiti dopo essere saliti a livelli record la scorsa settimana tra temperature gelide e un forte calo dei flussi di gas dalla Russia; mentre il clima più mite in gran parte dell'Europa continentale nella prossima settimana limiterà la domanda di energia, i siti di stoccaggio della regione sono ancora circa il 23% al di sotto della media quinquennale per questo periodo dell’anno.

Il numero di carichi di GNL statunitensi diretti verso i porti europei è aumentato di un terzo durante il fine settimana: la regione si rivela in grado di attrarre un maggior numero di carichi in quanto la piazza asiatica predilige l’utilizzo delle proprie scorte, durante l’inverno, ragion per cui i nuovi acquisti risultano limitati.

Il mercato europeo, tuttavia, rimane sotto stress in quanto le previsioni indicano temperature nettamente al di sotto della media nella seconda metà di gennaio 2022.


Fonte Bloomberg

 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

The number of active drilling rigs in the United States remained unchanged this week, keeping the total rig count at 586, as oil prices remain relatively strong despite the fresh wave of Covid-19 cases brought by the new variant of the coronavirus.

Last week’s count compared with a rig count rise of 7 for the previous week, which brought the total to 586.

Baker Hughes reported the total active rig figure was 235 rigs higher than the rig count this time last year when the oil industry was just beginning to recover from the worst blows of the pandemic. Yet it was still far from the rig count numbers from before the pandemic.

Oil production in the U.S. last week stood at 11.8 million bpd, according to the Energy Information Administration. That was up from 11.6 million bpd for the previous week and the highest level since May 2020.

While U.S. production remains on an upward trend, oil drillers remain cautious in their production growth plans and more focused on returning cash to investors.

The rig count in the Permian Basin decreased by 1 this week. The number of rigs in the nation's second most prolific basin, the Eagle Ford, saw no change to the number of active rigs. The Permian's total rig count is now 293, with 44 total in the Eagle Ford.

Primary Vision's Frac Spread Count, which tracks the number of completion crews finishing off previously drilled wells, shows that completion crews fell by 12 this week to 244 for week ending December 23, for the fourth dip in a row. The frac count is up by roughly 100 since the start of the year.
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
Attenzione all'Iran che sembra pronto a rientrare ufficialmente nei ranghi degli esportatori di petrolio, forse già nel 2022, se Teheran e Washington saranno in grado di concludere un nuovo accordo nucleare:


After a lengthy layoff, Iran appears poised to officially rejoin the ranks of oil exporters--maybe as early as 2022--if Tehran and Washington are able to strike a new nuclear deal and Iran returns to the Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).

Negotiators from Iran and five world powers resumed negotiations on Monday in a bid to restore Iran’s landmark 2015 nuclear deal. In the 2015 deal, five world powers, namely the UK, France, Germany, the U.S., Russia and China, granted Iran sanctions relief in exchange for curbs on its nuclear program before the Trump administration scuttled the deal and reinstated sanctions in 2018 .

The latest round of talks in Vienna--the eighth--opened after a 10-day hiatus that allowed the Iranian negotiator to return home for consultations. The previous round came after a five-month adjournment and was marked by tensions over new Iranian demands thanks to the arrival of a new hard-line government in Iran. Iran has steadily abandoned all JCPOA limits since the American withdrawal and is now enriching uranium to 60% purity--a short, technical step from weapons-grade levels.

The U.S. is cautiously optimistic about the fate of the new round of negotiations, saying it’s too early to say if Tehran has come to the table with a more constructive approach. It’s a sentiment shared by its EU counterpart:

If we work hard in the days and weeks ahead, we should have a positive result. But it’s going to be very hard-difficult political decisions have to be taken,” Enrique Mora, the European Union diplomat who chaired the talks, said after the opening session.
So far, indirect nuclear talks between the United States and Iran have hit stumbling blocks after Iran walked back on earlier concessions. The Biden administration is still seeking a return to mutual compliance to the 2015 nuclear deal with Iran but has also said it’s “preparing for a world in which there is no return”.

"It is not our preference. Every day that goes by is a day where we come closer to the conclusion that they don't have in mind a return to the JCPOA in short order," said an official, who briefed CNN reporters by phone, referring to a lack of compliance.
Among the key demands Iran has made is that the United States and its allies allow it to export its crude oil.

The million dollar question right now is how much oil can we expect from Iran if a new deal is struck. More importantly, will investors start flocking to a post-sanctions Iran?
The Iran Wildcard

After all, Iran’s former oil minister Bijan Namdar Zanganeh is on record saying that his biggest dream has always been to increase Iran’s oil output to six million barrels per day; earn $2 trillion through oil exports over the next two decades and use the income to invest in the country’s development.

Obviously, such a level of production would cause considerable jitters in the delicately balanced oil markets.
..........................................per chi vuole continuare la lettura basta andare su Oilprice.com.
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

  • Iran announced plans last week to boost oil production from its supergiant South Azadegan oil field to at least 320,000 barrels per day
  • The development of the West Karoun fields are instrumental to the 25-year deal between Iran and China
  • The impact of additional Iran crude flows on global oil prices could be significant against a background of uncertain demand in the coming months
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

U.S. Rig Count Rises Alongside Oil Prices​

By Julianne Geiger - Jan 07, 2022, 12:11 PM CST
  • The number of active drilling rigs in the United States rose by 2 this week.
  • Oil-directed rigs were up by 1 to 481, while gas-directed rigs were up by 1 to 107.
The number of active drilling rigs in the United States rose by 2 this week, keeping the total rig count at 588, as oil prices remain strong despite the fresh wave of Covid-19 cases brought by the new variant of the coronavirus amid several oil disruptions around the globe, including in Libya, Ecuador, and Kazahkstan.

Last week's count compared with an unchanged rig count of 586 during the previous week.

Baker Hughes reported the total active rig figure was 228 rigs higher than the rig count this time in 2021.

Oil-directed rigs were up by 1 to 481, while gas-directed rigs were up by 1 to 107.

Oil production in the U.S. last week—the last week of 2021—stood at 11.8 million bpd for the second week in a row, according to the Energy Information Administration. This is up from 11 million bpd at the beginning of 2021.

While U.S. production remains on an upward trend, oil drillers remain cautious in their production growth plans and more focused on returning cash to investors.

The rig count in the Permian Basin decreased by 1 again this week. The number of rigs in the nation's second most prolific basin, the Eagle Ford, saw no change to the number of active rigs for the second week in a row. The Permian's total rig count is now 292, with 44 total in the Eagle Ford.

Primary Vision's Frac Spread Count, which tracks the number of completion crews finishing off previously drilled wells, shows that completion crews fell by 10 this week to 234 for week ending December 31, for the fifth dip in a row. The frac spread is now down 40 over the last five weeks.
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
Da Commodities Trading: 11/01/2022 09

Petrolio: nel 2022 il panico non verrà dalla domanda, ma dall’offerta…​

I produttori di petrolio sperano in un 2022 tranquillo? Se è così si sbagliano, perché le incertezze sono molte, questo è vero, ma su una cosa gli analisti di settore sono d’accordo: il 2022 sarà un anno turbolento!

I ribassisti prevedono un’offerta in grado di sovrastare la domanda in un contesto contraddistinto da scorte in aumento e da una OPEC+ che, forse, sarà costretta a considerare nuovi tagli alla produzione, mentre i rialzisti si concentrano su scorte in calo, capacità di produzione inutilizzata in diminuzione e carenza di investimenti e, fatto salvo un drastico crollo della crescita della domanda, quest’ultimo pare essere lo scenario più probabile.

L’analisi presentata ai produttori OPEC+ prima dell’ultimo meeting ha mostrato che le scorte globali di petrolio si stanno accumulando per tutto il prossimo anno, annullando praticamente tutti i prelievi visti nel 2021. L’aumento delle scorte, tuttavia, non si basa su prospettive cupe per la domanda di oro nero che, scendo l’analisi, raggiungerà una media di quasi 101 milioni di barili giornalieri, nel 2022, con un picco ad oltre 103 milioni entro il mese di dicembre.

Uno degli elementi che desta maggiore incertezza è compatto della variante Omicron sulla domanda di greggio, ma i recenti dati in arrivo a mercato suggeriscono che, visto il basso livello di ospedalizzazione, sarà più limitato del previsto: alcuni paesi stanno già iniziando a revocare le restrizioni implementate in precedenza e questo sostiene la crescita della domanda.
La potenziale debolezza del mercato petrolifero deriva dall'offerta dilagante, che l'OPEC vede superare i 104 milioni di barili al giorno prima della fine dell’anno, anche se molti analisti dubitano che tale previsione sia attendibile in quanto implica che tutti i membri del gruppo portino a termine l’aumento produttivo previsto, una situazione che quasi certamente non si verificherà. A dicembre, il gruppo ha pompato 625000 barili al giorno al di sotto del suo obiettivo collettivo: si tratta di un miglioramento, ma comunque si parla del settimo mese consecutivo in cui il gruppo non ha centrato il suo obiettivo. Questo gap non si colmerà velocemente, a meno che i produttori con capacità inutilizzata non compensino la carenza produttiva dei membri che non sono in grado di sostenere gli incrementi produttivi, e questo pare alquanto improbabile. Il gap, sostanzialmente, potrebbe essere destinato ad aumentare in quanto la OPEC+ aumenta il target produttivo di 400000 abili giornalieri su base mensile e questo significa che l’offerta non arriverà mai ai livelli previsti.

Le scorte commerciali di petrolio nelle economie dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, sottolineano i rialzisti, sono già a livelli contenuti e si attestano al di sotto della media 2015 - 2019 di 174 milioni di barili (-6%) e, sebbene sia probabile che l'aumento della produzione dell'OPEC+ riduca questo divario, eroderà contemporaneamente la capacità inutilizzata mondiale disponibile per far fronte a interruzioni impreviste dell’approvvigionamento, interruzioni che si stanno già palesando.

La Libia, che ha mantenuto con successo un livello di produzione superiore a 1 milione di barili al giorno per tutto il 2021, è stata colpita dalla chiusura dell'oleodotto dal suo più grande giacimento petrolifero da parte delle PFG dalla necessità di riparazioni urgenti a una delle linee al servizio del suo più grande terminal di esportazione. Le riparazioni sono state completate rapidamente, ma la produzione del paese rimane di oltre il 25% inferiore al livello dell'anno scorso. Gli Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita e l'Iraq siano tutti in grado di pompare oltre i livelli di base utilizzati per misurare i tagli alla produzione, sono probabilmente gli unici membri del gruppo OPEC+ che possono farlo.

Quando i tagli alla produzione saranno interamente ripristinati (entro settembre, secondo la tabella di marcia) tutta la capacità di produzione mondiale di petrolio di riserva sarà detenuta da quei tre paesi e potrebbe non ammontare a molto più di 2,5 milioni di barili al giorno. Questo è un “cuscinetto” molto sottile per gli standard storici e che alimenterà le prospettive rialziste del mercato.

Fonte Bloomberg
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff
1642001663089.png
Gas +8.50% oggi mentre scrivo.
Se rimarranno su questi livelli i prezzi degli energetici, almeno qui in Italia , con pandemia ancora in corso, sono davvero curioso di vedere quanto reggeranno le imprese energivore e i dati sui consumi degli italiani.
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff
Usa: Senato non approva sanzioni contro Nord Stream 2

MILANO (MF-DJ)--Il Senato statunitense ha bocciato un disegno di legge sponsorizzato dal senatore repubblicano, Ted Cruz, che avrebbe imposto sanzioni a Nord Stream 2 Ag, la società che sta dietro il gasdotto costruito per fornire gas naturale russo alla Germania.
Cinquantacinque senatori hanno votato a favore e 44 contro ma servivano 60 voti per approvare il disegno di legge, in base a un accordo raggiunto con il leader della maggioranza al Senato, Chuck Schumer. Sei democratici hanno rotto con il loro partito e la Casa Bianca votando con i repubblicani a favore del disegno di legge. Il senatore Dem, Brian Schatz, non ha votato perché è in quarantena dopo essere risultato positivo al Covid-19 questa settimana.
Il disegno di legge Cruz proponeva di far entrare in vigore le sanzioni entro e non oltre 15 giorni dall'emanazione della legge. L'amministrazione del presidente Usa, Joe Biden, si è opposta al disegno di legge e ha fatto pressione sui senatori democratici affinchè votassero contro, sostenendo che avrebbe rimosso la leva statunitense volta a scoraggiare la Russia e avrebbe danneggiato i legami con la Germania e altri alleati europei. La Russia ha riunito decine di migliaia di truppe al confine con l'Ucraina e i colloqui a Ginevra tra Stati Uniti e Russia non hanno prodotto progressi questa settimana.
"L'amministrazione non crede che questo disegno di legge sia uno sforzo genuino per contrastare l'aggressione russa o proteggere l'Ucraina", ha affermato ieri la Casa Bianca. "Se approvata, la legislazione servirà solo a minare l'unità tra i nostri alleati europei in un momento cruciale in cui dobbiamo presentare un fronte unito in risposta alle minacce russe contro l'Ucraina", ha aggiunto.
L'amministrazione ha sostenuto un disegno di legge alternativo presentato dal presidente della Commissione per le Relazioni estere del Senato, Bob Menendez. Tale legislazione indirizzerebbe l'amministrazione a imporre sanzioni obbligatorie contro leader, banche e imprese russe, ma solo se Mosca intensificherà le ostilità contro l'Ucraina. Non si sa quando quel disegno di legge potrà essere votato al Senato. "Sanzionare il Nord Stream 2 ora, in questo momento cruciale, avrebbe l'effetto opposto e potrebbe anche essere la scusa che Putin sta cercando", ha dichiarato. Se gli Stati Uniti non sanzionano il Nord Stream 2 ora, ciò non significa che il gasdotto diventi online, ha affermato Menendez, sottolineando che "non significa che Putin otterrà quello che vuole. Significa avere una leva".
Sebbene il disegno di legge di Cruz sia stato bocciato, il voto per il senatore è stato una vittoria politica. "Nonostante le furiose lobby della Casa Bianca, un'ampia maggioranza bipartisan di senatori ancora una volta ha votato per imporre sanzioni immediate contro l'oleodotto di Putin", ha affermato Cruz. Il senatore ha criticato l'amministrazione Biden per quella che la decisione catastrofica dell'anno scorso di rinunciare alle sanzioni sul Nord Stream. Il dipartimento di Stato ha revocato le sanzioni contro la società madre e l'amministratore delegato della società a maggio nell'ambito di uno sforzo per rafforzare le relazioni con il suo alleato, la Germania.
cos
(END) Dow Jones Newswires
January 14, 2022 05:00 ET (10:00 GMT)
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff

U.S. Rig Count Jumps As Crude Rally Continues​

By Julianne Geiger - Jan 14, 2022, 12:13 PM CST

The number of active drilling rigs in the United States rose by 13 this week, bringing the total rig count at 601, as oil prices keep to bull territory even as the fresh wave of Covid-19 cases brought by the new variant threatens to diminish demand.

Last week's count compared with an unchanged rig count of 588 during the previous week.

Baker Hughes reported the total active rig figure was 228 rigs higher than the rig count this time in 2021.

Oil-directed rigs were up by 11 to 492, while gas-directed rigs were up by 2 to 109.

Oil production in the U.S. last week—the last week of 2021—fell 100,000 bpd back to 11.7 million bpd, according to the Energy Information Administration. This is up from 11 million bpd at the beginning of 2021. Despite last week's setback, U.S. production remains on an upward trend.

The rig count in the Permian Basin increased by 1 this week. The number of rigs in the nation's second most prolific basin, the Eagle Ford, saw a six-rig gain. The Permian's total rig count is now 293, with 50 total in the Eagle Ford.

Primary Vision's Frac Spread Count, which tracks the number of completion crews finishing off previously drilled wells, shows that completion crews rose by 10 this week to 244 for week ending January 7, after five weeks of losses. The frac spread is now down 40 over the last five weeks.
 

Tony

Well-known member
Cosa succede a dichiarare di volere la "guerra" contro gli idrocarburi senza avere armi in mano...
Però, se ti riferissi a Biden, quando lo hanno fatto gli altri presidenti è andata bene a tutti. E' un segnale di debolezza (non a caso Biden risulta oggi più impopolare del Trump di fine mandato, un risultato piuttosto sconfortante). D'altronde è stato messo lì per fare cose impopolari, imho. E' arrivato il momento che le faccia (e le faccia fare dalla Fed, soprattutto) ;)
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff
Però, se ti riferissi a Biden, quando lo hanno fatto gli altri presidenti è andata bene a tutti. E' un segnale di debolezza (non a caso Biden risulta oggi più impopolare del Trump di fine mandato, un risultato piuttosto sconfortante). D'altronde è stato messo lì per fare cose impopolari, imho. E' arrivato il momento che le faccia (e le faccia fare dalla Fed, soprattutto) ;)
Ok, non mi riferivo a Biden, ma ai politici europei, che non mi pare abbiano individuato strategie molto chiare in merito alla rivoluzione energetica che vogliono sviluppare.
Poi se pensano di risolvere l'inflazione con un'aumento dei tassi quando i prezzi sono in crescita forzata non a causa di aumento di salari o domanda di beni e servizi ma per causa degli incrementi dei costi delle materie prime , la frittata la faranno ben bruciata, imho...
 
Alto