Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Esperienze di vita all'estero degli expat fiscali (e non)

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
per fortuna ci pensa Malta. Comunque anche in Italia è un fiorire di drive-thru per tamponi agli aeroporti, con prenotazione ma capaci comunque di grande flusso.
 

Tony

Well-known member
A Malta circa il 5% della popolazione è in quarantena dopo la recente impennata di casi di covid

 

mirkosalva

Armchair migrant
Buon anno Tony e buon anno a tutti.
Come siete messi a Malta col caro bollette? Se arriverà anche lì (non so che energia usiate, gas? nucleare? petrolio?)
 

Tony

Well-known member
Buon anno Tony e buon anno a tutti.
Come siete messi a Malta col caro bollette? Se arriverà anche lì (non so che energia usiate, gas? nucleare? petrolio?)
Buon anno Mirko.

Qui c'era una vecchia centrale ad olio combustibile che una decina di anni fa è stata smantellata e sostituita da una centrale a gas, assai meno inquinante e posizionata in modo da smaltire verso il mare i fumi di combustione generati, almeno per buona parte del tempo.

E' alimentata a gas liquefatto, per cui è un via vai di navi gasiere attraccate al porto della centrale elettrica. In futuro arriverà un gasdotto dalla Sicilia che consentirà di alimentare la centrale con il metano che affluisce tramite la nostra rete.

Peraltro Enemalta, l'Enel maltese, è monopolista pubblico e le tariffe energetiche sono amministrate (gran bella cosa), quindi sarà il governo a decidere quanta parte del sovraccosto sarà a carico della popolazione.

I laburisti qui vinsero la loro prima elezione con Muscat, credo una buona dozzina di anni fa, promettendo la riduzione della bolletta del 25%, ciò che effettivamente fecero. Per dire che qui c'è molta sensibilità al tema, è da attendersi che rincari ci siano ma siano più contenuti che altrove.

Peraltro a fine pandemia è probabile che il Labour chiami elezioni anticipate per legittimare il nuovo leader ed è verosimile che vogliano arrivarci con il massimo dei consensi possibili.

L'economia è in crisi, anche se non si vede poiché è tenuta su dalla spesa pubblica e dalle sovvenzioni mentre turismo ed edilizia privata, motori della crescita in anni recenti, traccheggiano a causa del covid.

Inoltre incombe lo sgonfiamento della bolla immobiliare, già in atto da inizio crisi, ma con mercato molto fermo. Un rimbalzo potrebbe esserci dopo il covid, però il modello Malta si basa sull'idea di portare qui - da mezzo mondo - i dipendenti delle aziende impiantate a Malta per il beneficio fiscale (a partire dal gaming online) ed imho è destinato ad andare in crisi negli anni a venire con le applicazioni di augmented reality, metaverse ecc.

Per cui una fetta molto consistente degli inquilini per i quali si è massicciamente costruito in questi anni verrà meno.
 

Tony

Well-known member
Buon anno Mirko.

Qui c'era una vecchia centrale ad olio combustibile che una decina di anni fa è stata smantellata e sostituita da una centrale a gas, assai meno inquinante e posizionata in modo da smaltire verso il mare i fumi di combustione generati, almeno per buona parte del tempo.

E' alimentata a gas liquefatto, per cui è un via vai di navi gasiere attraccate al porto della centrale elettrica. In futuro arriverà un gasdotto dalla Sicilia che consentirà di alimentare la centrale con il metano che affluisce tramite la nostra rete.

Peraltro Enemalta, l'Enel maltese, è monopolista pubblico e le tariffe energetiche sono amministrate (gran bella cosa), quindi sarà il governo a decidere quanta parte del sovraccosto sarà a carico della popolazione.

I laburisti qui vinsero la loro prima elezione con Muscat, credo una buona dozzina di anni fa, promettendo la riduzione della bolletta del 25%, ciò che effettivamente fecero. Per dire che qui c'è molta sensibilità al tema, è da attendersi che rincari ci siano ma siano più contenuti che altrove.

Peraltro a fine pandemia è probabile che il Labour chiami elezioni anticipate per legittimare il nuovo leader ed è verosimile che vogliano arrivarci con il massimo dei consensi possibili.

L'economia è in crisi, anche se non si vede poiché è tenuta su dalla spesa pubblica e dalle sovvenzioni mentre turismo ed edilizia privata, motori della crescita in anni recenti, traccheggiano a causa del covid.

Inoltre incombe lo sgonfiamento della bolla immobiliare, già in atto da inizio crisi, ma con mercato molto fermo. Un rimbalzo potrebbe esserci dopo il covid, però il modello Malta si basa sull'idea di portare qui - da mezzo mondo - i dipendenti delle aziende impiantate a Malta per il beneficio fiscale (a partire dal gaming online) ed imho è destinato ad andare in crisi negli anni a venire con le applicazioni di augmented reality, metaverse ecc.

Per cui una fetta molto consistente degli inquilini per i quali si è massicciamente costruito in questi anni verrà meno.
Peraltro leggo ora che ad ottobre scorso, nel budget in presentazione per il 2022, era stata annunciata una revisione del sistema di calcolo della bolletta in senso più favorevole ai consumatori. Al che c'è caso che qui eventuali aumenti nei costi vengano sostenuti interamente dal governo.

 

Tony

Well-known member
Oggi c'è il Papa a Malta. E' mezz'ora che è in aereoporto salutando tutti quelli che contano qualcosa a Malta, governo con i principali ministri, presidente della reppublica, capo forze armate, pezzi grossi della chiesa maltese ecc. ecc.

Ora forse con un po' di buona volontà lo lasciano tornare a casa, mi sembra un po' sofferente
 

mirkosalva

Armchair migrant
Inflazione Malta praticamente identica a Italia.

Screenshot-20220504-105755-Opera.jpg


Nella mia zucca pensavo erroneamente Malta si difendesse meglio, ma in effetti non ha una centrale nucleare. :ROFLMAO:
 

Tony

Well-known member
Inflazione Malta praticamente identica a Italia.

Screenshot-20220504-105755-Opera.jpg


Nella mia zucca pensavo erroneamente Malta si difendesse meglio, ma in effetti non ha una centrale nucleare. :ROFLMAO:
E' il paese con la maggiore contrazione della spesa privata in Europa a causa del covid, vado a memoria, ma nel 2021 è stata del 22,5% y-o-y. Adesso si vede poco l'inflazione. I prezzi energetici sono gli stessi dello scorso anno (benzina, diesel, gas ad uso domestico, in bombola). Al mercato verdura e pesce sono con prezzi contenuti, forse l'abbigliamento ha segnato qualche salita in più, ma vorrei sapere i volumi di spesa.
 

ilpirata

Member
Carissimi, leggo che in questo thread si parla anche di case in affitto... un anno fa la situazione era buona (nel senso che c'erano molte soluzioni sfitte)... mi pare che adesso le cose si siano riprese, o sbaglio? Soprattutto nell'area di Marsaskala, dovrei avrei intenzione di prendere...
 

Tony

Well-known member
Carissimi, leggo che in questo thread si parla anche di case in affitto... un anno fa la situazione era buona (nel senso che c'erano molte soluzioni sfitte)... mi pare che adesso le cose si siano riprese, o sbaglio? Soprattutto nell'area di Marsaskala, dovrei avrei intenzione di prendere...
A Marsaskala è pieno di case sfitte, è che non sono sul mercato perché tanto non viene nessuno. Quest'anno ci sono anche i cartelli to let (mai visti prima), ce n'è uno vicino a dove vivo che sta lì da quasi un anno.

Al che si va a vedere e si negozia un ribasso sul canone richiesto, oppure si saluta. Molti indicano ancora canoni alti, voglio vedere dove andranno con la recessione incombente. Tutti negoziano.

L'estate è tuttavia il momento peggiore per cercare, perché alcuni possono provare a fare short let confidando in un po' di ripresa del turismo.
 

Bezimen

Well-known member
Il mio rientro a Yerevan è stato accompagnato da: notevoli rincari degli affitti, rafforzamento della valuta locale vs euro, aumento generalizzato dei prezzi e soprattutto del gasolio, tensioni politiche con manifestazioni di piazza (la piazza dell'Opera da una settimana circa è stata trasformata in una tendopoli dai manifestanti...ovviamente tale piazza è uno dei principali snodi viari di Yerevan ed il suo blocco, unito ad altri blocchi temporanei ha reso lo spostarsi in auto anche più snervante del solito). Tutto molto bene... 🤬
Dietro ai rincari degli affitti (mediamente già alti di loro in relazione alla qualità delle abitazioni ed ai salari locali) il massiccio afflusso di Russi. Pare che si siano stabiliti qui almeno 30.000 russi, attivi soprattutto nell'IT e visti come mucche da mungere. A Yerevan le case sfitte non mancano, ma molti preferiscono non affittare che chiedere un affitto equo. Del resto qui chi non riesce a vendere casa/appartamento, solitamente ne alza il prezzo...
Il rafforzamento pure potrebbe essere legato alle transazioni effettuate dai Russi che per vivere o aprire società qui chiederanno necessariamente valuta locale. Su questo si innesta l'indebolimento generalizzato dell'euro nell'ultimo periodo.
La fiammata del gasolio, da poco decisamente più costoso della benzina, è un fenomeno già visto anche in Italia e poi rientrato. Ovviamente io vado a gasolio...e spero si torni almeno alla parità (attualmente costa un 10% in più). Da 0,9€ al litro siamo passati a 1,3€ in 2 mesi.
Le tensioni politiche sono un po' lunghe da spiegare e credo non interessino a nessuno
 

Tony

Well-known member
Tornato a Malta dopo un periodo in Italia, volevo dire che qui in linea teorica sarebbe ancora necessario portare con sé un green pass non più vecchio di 6 mesi (180 gg) oppure un tampone negativo (con le modalità che trovate facendo una ricerchina sul sito di Ryanair), di fatto oggi ho visto un tana libera tutti, nessuno controlla più niente, come ai bei tempi prima del covid.
 

mirkosalva

Armchair migrant
Tornato a Malta dopo un periodo in Italia, volevo dire che qui in linea teorica sarebbe ancora necessario portare con sé un green pass non più vecchio di 6 mesi (180 gg) oppure un tampone negativo (con le modalità che trovate facendo una ricerchina sul sito di Ryanair), di fatto oggi ho visto un tana libera tutti, nessuno controlla più niente, come ai bei tempi prima del covid.
la Covid demenza è finita!
Maledetti governi e i loro disgustosi soprusi!
W la libertà, si torna a respirare!
 
Alto