Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

politica e coronavirus

Bezimen

Well-known member

Ci mancava....
Un po' di terrorismo mediatico è sempre opportuno crearlo...soprattutto nell'imminenza delle feste e del supermegamaxiteragrin pass.
In ogni caso finchè ci sarà il 75% della popolazione mondiale ostile o impossibilitata ad accedere a vaccini e misure di precauzione sarà inevitabile il proliferare di varianti. E non serve andare tanto lontani...basta andare nell'europa dell'ex patto di Varsavia per riscontrare un' assenza quasi totale di misure preventive...aggiungiamoci la velocità di circolazione di persone da ogni dove per capire che probabilmente la terza non sarà l'ultima dose ma solo una pagina di quella che probabilmente diventerà una simpatica ricorrenza, un tagliando, semestrale...
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff
Un po' di terrorismo mediatico è sempre opportuno crearlo...soprattutto nell'imminenza delle feste e del supermegamaxiteragrin pass.
In ogni caso finchè ci sarà il 75% della popolazione mondiale ostile o impossibilitata ad accedere a vaccini e misure di precauzione sarà inevitabile il proliferare di varianti. E non serve andare tanto lontani...basta andare nell'europa dell'ex patto di Varsavia per riscontrare un' assenza quasi totale di misure preventive...aggiungiamoci la velocità di circolazione di persone da ogni dove per capire che probabilmente la terza non sarà l'ultima dose ma solo una pagina di quella che probabilmente diventerà una simpatica ricorrenza, un tagliando, semestrale...


Purtroppo i politici sono i primi ad impanicarsi e a non seguire la scienza.
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff
però se la sudafricana salta il vaccino (tutto da vedere) abbiamo solo questa pillola e l'omologo pfizer

Covid, Pfizer: "In 2 settimane dati su nuova variante ed efficacia vaccino"

"Comprendiamo la preoccupazione degli esperti e abbiamo immediatamente avviato le indagini sulla variante B.1.1.529. La variante differisce notevolmente dalle varianti osservate in precedenza perché presenta ulteriori mutazioni localizzate nella proteina. Spike. Ci aspettiamo più dati dai test di laboratorio al più tardi tra due settimane". Lo assicura un portavoce di Pfiizer al canale all news francese BfmTv. I dati in arrivo, ha spiegato, "forniranno maggiori informazioni sul fatto che B.1.1.529 possa essere una variante che sfugge all'immunità e potrebbe richiedere un aggiustamento del nostro vaccino se si diffonde a livello globale".-
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff
In Olanda coprifuoco dalle 17.00 per 12 ore al giorno
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff
Covid: Usa, ospedali si preparano a carenza personale dopo obbligo vaccino

MILANO (MF-DJ)--Alcuni ospedali e case di cura negli Stati Uniti si stanno preparando a operare senza un terzo del loro personale all'inizio del prossimo anno, se tali lavoratori non rispetteranno l'obbligo federale di vaccinarsi contro il Covid-19.
L'amministrazione del presidente Usa, Joe Biden, richiede alle strutture che ricevono finanziamenti dai Centers for Medicare e dai servizi Medicaid che i loro lavoratori siano vaccinati entro il 4 gennaio. Una ventina di Stati stanno contestando il requisito in tribunale. Molti operatori sanitari in quegli Stati e non solo esamineranno le richieste di esenzioni per motivi religiosi e medici oppure licenzieranno i lavoratori che non si vaccineranno.
Alcuni datori di lavoro sanitari stanno impostando una linea dura contro le esenzioni, scommettendo che incoraggeranno più lavoratori a farsi vaccinare. Altri sono più permissivi. E alcuni stanno cercando di assumere lavoratori a cui sono state negati esenzioni in altri ospedali e cliniche. Le decisioni si sommano a una grave minaccia operativa per alcuni operatori sanitari in un momento in cui i lavoratori sono più scarsi che mai.
Il 30% dei lavoratori di oltre 2.000 ospedali in tutto il Paese, intervistati a settembre dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), non era vaccinato. Applicato a una forza lavoro sanitaria nazionale di circa 22 milioni di persone, secondo il Census Bureau, ciò equivarrebbe a quasi sette milioni di lavoratori del settore che devono ancora essere vaccinati.
Secondo Cms, circa 17 milioni di operatori sanitari sono impiegati in strutture che ricevono rimborsi dai programmi federali Medicare e Medicaid. L'amministrazione Biden all'inizio di questo mese ha reso il futuro rimborso subordinato alla vaccinazione completa di tutto il personale idoneo contro il Covid-19 entro il 4 gennaio. Il regolamento consente esenzioni per motivi medici e religiosi.
Ospedali e reclutatori affermano che la combinazione di esenzioni e di più lavoratori che sceglieranno di vaccinarsi nelle prossime settimane dovrebbe contribuire ad alleviare la minaccia operativa. Alcune strutture hanno affermato di non aspettarsi interruzioni operative ma in alcune aree rurali, la perdita di uno o due dipendenti può compromettere la capacità di una struttura di fornire assistenza, hanno affermato medici e operatori ospedalieri.
I gruppi che sostengono la libertà religiosa, tra cui Liberty Counsel, Thomas More Society e Center for American Liberty, hanno affermato di aver ricevuto migliaia di richieste di assistenza da persone a cui sono state negate le esenzioni religiose all'obbligo del vaccino contro il Covid-19. I gruppi hanno intentato azioni legali per conto degli operatori sanitari che combattono l'obbligo.
Condon McGlothlon, partner e specialista in diritto del lavoro presso Seyfarth Shaw, ha affermato che nessuno si aspettava una situazione in cui migliaia di dipendenti in tutto il Paese avrebbero richiesto contemporaneamente esenzioni religiose.
Nei luoghi in cui gli obblighi sono già entrati in vigore, i tassi di vaccinazione sono aumentati di 20 punti percentuali, secondo un recente rapporto della Casa Bianca. Secondo il rapporto, prima del mandato del Cms, oltre 2.500 ospedali, il 40% del totale nazionale, avevano stabilito l'obbligo della vaccinazione per i lavoratori. "Lo abbiamo fatto mesi fa", ha affermato Marc L. Boom, amministratore delegato di Houston Methodist.
Circa l'85% degli oltre 26.000 membri dello staff di Houston Methodist era stato vaccinato quando l'obbligo dell'ospedale è entrato in vigore a marzo, lasciando i leader occupati a persuadere il restante 15% e a valutare le richieste di esenzioni mediche e religiose. Molti di coloro che avevano fatto il vaccino antinfluenzale negli anni precedenti hanno chiesto l'esenzione religiosa dal vaccino contro il Covid-19, richieste che sono state in gran parte respinte.
Meno dell'1% del personale ha lasciato l'incarico piuttosto che conformarsi alla regola, ha affermato il dott. Boom, inclusi infermieri, terapisti respiratori, contabili e personale It. Il tasso di vaccinazione di quasi il 100% tra il personale rimanente ha aiutato a isolare la Houston Methodist dalla peggiore ondata estiva guidata dalla variante Delta.
Tuttavia, i luoghi con grave carenza di personale stanno mostrando problemi operativi. A New York, che ha fissato la scadenza del 27 settembre per il vaccino al personale sanitario, il sistema sanitario della contea di Lewis, a nord dello Stato, ha recentemente sospeso i servizi di maternità a causa del numero di dipendenti che si rifiutano di farsi vaccinare. Lo Stato non consente esenzioni religiose, una posizione che è stata contestata in tribunale.
Nel Maine, che non consente esenzioni religiose, la Maine Health Care Association ha dichiarato che cinque case di cura e una struttura di residenza assistita sono state chiuse da quando è stato annunciato ad agosto l'obbligo statale del vaccino per gli operatori sanitari. Il gruppo stima che fino al 10% dei lavoratori delle case di cura lascerà il lavoro piuttosto che rispettare l'obbligo. Gli operatori sanitari che hanno rifiutato il vaccino per motivi religiosi hanno organizzato un ricorso legale. Lo Stato stava già sperimentando una grave carenza di operatori sanitari prima della pandemia. Nonostante l'adesione alla vaccinazione superiore al 95% nella maggior parte degli ospedali, operare con il personale anche parzialmente ridotto ha creato disagi al servizio in alcune parti dello Stato.
cos
(END) Dow Jones Newswires
November 29, 2021 09:22 ET (14:22 GMT)
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
Domanda a tutti i partecipanti al FORUM:
Poiché ho appena ricevuto l'SMS con il quale mi s'invita a fare la 3.a dose di vaccino (il famoso? booster) il 9/dicembre/2021 vorrei sapere ,da qualcuno che l'ha già fatta quali sono gli effetti collaterali.
Ringrazio anticipatamente chi mi vuole rispondere:
 

Cimabue

Well-known member
Domanda a tutti i partecipanti al FORUM:
Poiché ho appena ricevuto l'SMS con il quale mi s'invita a fare la 3.a dose di vaccino (il famoso? booster) il 9/dicembre/2021 vorrei sapere ,da qualcuno che l'ha già fatta quali sono gli effetti collaterali.
Ringrazio anticipatamente chi mi vuole rispondere:
La prima dose (pfizer) mi ha dato un malessere leggero, senso di spossatezza e doloretti muscolo/scheletrici, il tutto è durato solo qualche ora.
Con la seconda ho riportato indolenzimento del braccio sede dell'iniezione, senso di spossatezza e doloretti muscolo/scheletrici, qualche linea di febbre, inappetenza, sintomatologia sparita del tutto in circa 36/48 ore.
La terza dose l'ho fatta domenica scorsa e la sintomatologia è analoga a quella della seconda dose, ma stimo di essere "a posto" per domani mattina.
In sintesi, per tutte e 3 le "punture" ho riportato solo un leggero malessere di tipo "influenzale".
Tuttavia conosco diverse altre persone, tra cui diversi familiari ed amici, che hanno fatto le 3 dosi senza registrare alcun tipo di fastidio o problema.
Tieni tuttavia conto che ad inizio marzo 2020 ho avuto il covid in forma decisamente pesante, non mi hanno ospedalizzato solo perché all'epoca negli ospedali non c'era posto: quando ho dichiarato tale circostanza prima delle iniezioni, tutti e 3 i medici con cui mi sono interfacciato nei consulti pre-iniezione, mi hanno avvisato della alta probabilità che insorgesse la leggera sintomatologia che poi si è verificata e che ho descritto sopra.
Spero di esserti stato utile :)
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
La prima dose (pfizer) mi ha dato un malessere leggero, senso di spossatezza e doloretti muscolo/scheletrici, il tutto è durato solo qualche ora.
Con la seconda ho riportato indolenzimento del braccio sede dell'iniezione, senso di spossatezza e doloretti muscolo/scheletrici, qualche linea di febbre, inappetenza, sintomatologia sparita del tutto in circa 36/48 ore.
La terza dose l'ho fatta domenica scorsa e la sintomatologia è analoga a quella della seconda dose, ma stimo di essere "a posto" per domani mattina.
In sintesi, per tutte e 3 le "punture" ho riportato solo un leggero malessere di tipo "influenzale".
Tuttavia conosco diverse altre persone, tra cui diversi familiari ed amici, che hanno fatto le 3 dosi senza registrare alcun tipo di fastidio o problema.
Tieni tuttavia conto che ad inizio marzo 2020 ho avuto il covid in forma decisamente pesante, non mi hanno ospedalizzato solo perché all'epoca negli ospedali non c'era posto: quando ho dichiarato tale circostanza prima delle iniezioni, tutti e 3 i medici con cui mi sono interfacciato nei consulti pre-iniezione, mi hanno avvisato della alta probabilità che insorgesse la leggera sintomatologia che poi si è verificata e che ho descritto sopra.
Spero di esserti stato utile :)
GRAZIE, Cimabue, sempre presente e disponibile!
Comunque anch'io ho chiesto a familiari e conoscenti (anche della mia età) e tutti mi hanno assicurato sui sintomi lievi!

Di nuovo grazie....... e BUONANOTTE!!!
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff

Covid: ceo Moderna, vaccini faticheranno contro Omicron


Il ceo di Moderna, Ste'phane Bancel, prevede un "calo sostanziale" dell'efficacia degli attuali vaccini contro la variante Omicron del Covid mentre serviranno dei mesi per mettere a punto nuovi vaccini efficaci. "Penso che in nessun modo l'efficacia possa essere la stessa che abbiamo avuto con la Delta", ha detto Bancel in un'intervista al sito del Financial Times. Per Bancel è prevedibile "un calo sostanziale" dell'efficacia dei vecchi vaccini: "non so dire di quanto perché dobbiamo aspettare i dati. Ma tutti gli scienziati con cui ho parlato dicono che 'non sarà buono'".


Mi pare che al momento la confusione sia tanta. Per ora comunque si sente un buona dose di paura sui mercati.
 

Buyorsell

Moderatore
Membro dello Staff

Ecdc, in Europa oltre la metà dei casi Covid sarà Omicron

Secondo le previsioni dell'Ecdc, la variante Omicron dovrebbe rappresentare oltre la metà di tutte le infezioni da Covid in Europa entro i prossimi mesi: è quanto si legge in un nuovo report del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. I dati preliminari dal Sudafrica sulla variante Omicron "suggeriscono che potrebbe avere un sostanziale vantaggio di crescita rispetto alla Delta e, in tal caso, i modelli matematici indicano che Omicron dovrebbe causare oltre la metà di tutte le infezioni da SARS-CoV-2 nell'UE/SEE entro i prossimi mesi". I casi di Omicron in Europa, ricorda Ecdc, finora sono 70 in 13 Paesi.
 
Alto