Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Saipem

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
Saipem avverte poi nel documento che «sussistono significative incertezze circa il buon esito della manovra finanziaria nonché circa la piena realizzazione del piano strategico al 2025». Nel caso di mancato buon esito della manovra, le risorse finanziarie della società «sono attese esaurirsi entro il primo trimestre del 2023».
più sono lunghi più soffrono. Graficamente la 2023 ha un bottom recente, molto vicino, che non ha violato a 95.65, la 25 ha ancora un livello post pandemia da sfruttare a 84, la 28 sotto i 72.45 (neanche 2 punti) ha l'abisso. Tagli importanti oltretutto.
 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
ad avere la sfera magica...

Mi sorprende che a fronte di dichiarazioni come quella riportata sopra i bond siano tutto sommato tranquilli oggi seppur sofferenti. Passi la 23 che è corta, ma le altre?
 

Tony

Well-known member
ad avere la sfera magica...

Mi sorprende che a fronte di dichiarazioni come quella riportata sopra i bond siano tutto sommato tranquilli oggi seppur sofferenti. Passi la 23 che è corta, ma le altre?
Si avverte italicamente la presenza dello stato, il nostro Pantalone su questo genere di aziende...
 

loriamen

Moderatore
Membro dello Staff
Alla fine sono d'accordo con Soppa!- Tutto si sta svolgendo in modo che Eni possa mangiarla in un solo boccone!!!

Buon TRADING!!!!!!
 

giove976

Well-known member

Saipem si aggiudica tre contratti Epc in Angola per 900 million $​


Reuters.png
Mercato azionario 4 ore fa (11.08.2022 11:54)
1




Saipem si aggiudica tre contratti Epc in Angola per 900 million $
© Reuters. Il logo Saipem su una nave a Genova. REUTERS/Alessandro Garofalo
MILANO (Reuters) - Saipem (BIT:SPMI) si è aggiudicata tre nuovi contratti Epc in Angola per lo sviluppo del giacimento di Quiluma & Maboqueiro al largo della costa Nord-occidentale del Paese, del valore complessivo di circa 900 milioni di dollari.
I contratti, uno onshore e due offshore, sono stati assegnati da New Gas Consortium costituito da due società controllate al 100% da Azule Energy (Eni (BIT:ENI) Angola Exploration e BP (LON:BP) Exploration Angola), Sonangol P&P, Chevron, TotalEnergies, spiega una nota.

In particolare Saipem svilupperà l'ingegneria di dettaglio, il procurement e la costruzione della piattaforma di Quiluma e del relativo impianto onshore di trattamento del gas naturale.
Si tratta del primo progetto sviluppato in Angola relativo ad un giacimento esclusivamente di gas naturale.

(Andrea Mandalà, editing Francesca Piscioneri)
 

Pietro Maule

Active member
Come valutate l'andamento delle azioni?

In poche settimane è salita moltissimo, da 0.60 a 1.15, per poi scendere di brutto negli ultimi giorni e con scambi eccezionali venerdì 11 novembre.

Credo sia effetto delle banche che hanno scaricato le azioni che avevano in portafoglio.

Mi chiedo quanto può ancora stornare .
 

Tony

Well-known member
Come valutate l'andamento delle azioni?

In poche settimane è salita moltissimo, da 0.60 a 1.15, per poi scendere di brutto negli ultimi giorni e con scambi eccezionali venerdì 11 novembre.

Credo sia effetto delle banche che hanno scaricato le azioni che avevano in portafoglio.

Mi chiedo quanto può ancora stornare .
Non la seguo e non ho seguito le vicende della ricapitalizzazione e della ristrutturazione aziendale, dunque non sono in grado di dire quanto ancora potrà stornare e spero che qualcun altro possa esserti di maggior aiuto.

Seguo però il comparto di riferimento, quello dell'energy, e da qualche seduta, dopo aver molto corso quest'anno, è in declino ovunque, negli Usa come in Europa.

D'altronde, come notavi, i volumi visti su Saipem un paio di sedute fa potevano essere significativi circa uscite consistenti dal titolo. Però non è faccenda che riguarda solo Saipem, si inserisce in un andamento compartimentale.

1669063263201.png
 

Pietro Maule

Active member
Non la seguo e non ho seguito le vicende della ricapitalizzazione e della ristrutturazione aziendale, dunque non sono in grado di dire quanto ancora potrà stornare e spero che qualcun altro possa esserti di maggior aiuto.

Seguo però il comparto di riferimento, quello dell'energy, e da qualche seduta, dopo aver molto corso quest'anno, è in declino ovunque, negli Usa come in Europa.

D'altronde, come notavi, i volumi visti su Saipem un paio di sedute fa potevano essere significativi circa uscite consistenti dal titolo. Però non è faccenda che riguarda solo Saipem, si inserisce in un andamento compartimentale.

Vedi l'allegato 15651

Grazie Tony.

Negli ultimi giorni sembra stabilizzata attorno a 1 euro con volumi sopra la media.

Andamento sembra autonomo da altri player dell'energia tipo Eni, Tenaris ecc....
 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
fa bene sperare perchè ci sono voci di takeover da parte di ENI, cosa che da subito anche noi avevamo ipotizzato.
Che poi si concretizzino è tutto da vedere, di sicuro è stata massacrata fin troppo quindi il comportamento contrarian rispetto al comparto può starci anche solo per ricoperture. Resta in ogni caos da maneggiare con cura imho.
 

Pietro Maule

Active member
fa bene sperare perchè ci sono voci di takeover da parte di ENI, cosa che da subito anche noi avevamo ipotizzato.
Che poi si concretizzino è tutto da vedere, di sicuro è stata massacrata fin troppo quindi il comportamento contrarian rispetto al comparto può starci anche solo per ricoperture. Resta in ogni caos da maneggiare con cura imho.
Da sito di Saipem vedo che i principali azionisti sono Eni che ha circa il 32% e poi CDP col 12%... nell'ipotesi di Opa di Eni su Saipem poi potrebbe seguire il delisting ?

Perché se questi 2 eventi dovessero avverarsi, l'effetto sul titolo dovrebbe essere molto forte verso l'alto, o sbaglio?
 

_soppa_

Moderatore
Membro dello Staff
per questo ci vuole la sfera magica. Tieni conto però che in tali operazioni le mani forti vogliono tutto lo sconto possibile, che di solito si concretizza sulle pelle del retail.
Guarda l'ultima volta che hanno ricapitalizzato per non farla fallire e scaricato tutto a mercato il giorno dopo senza che nessuno potesse nemmeno reagire.
 

Pietro Maule

Active member
per questo ci vuole la sfera magica. Tieni conto però che in tali operazioni le mani forti vogliono tutto lo sconto possibile, che di solito si concretizza sulle pelle del retail.
Guarda l'ultima volta che hanno ricapitalizzato per non farla fallire e scaricato tutto a mercato il giorno dopo senza che nessuno potesse nemmeno reagire.
Concordo...lo scenario sarebbe troppo facile e bello .
Nel caso di OPA ci sarebbe da una parte Eni che vuole pagare il meno possibile e dall'altra CDP con l'obiettivo opposto
 

Pietro Maule

Active member
Interessante articolo sugli scenari dell'esplorazione di gas e petrolio in acqua profonde e ultraprofonde.

Si cita anche ENI verso la fine.

 

Pietro Maule

Active member
Alto